Pagina:Capuana - Giacinta.djvu/154

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 152 —


— Eccola — disse Mochi, cavando da una tasca del soprabito la lettera d’Andrea.

E mentr’ella leggeva e rileggeva quel foglio che le tremava fra le mani, il cavaliere, a testa bassa, contornava con la punta della sua mazzettina un rosolaccio del tappeto.

— Che intende di fare? — domandò la signora Teresa, pallida dal dispetto, brancicando la lettera.

— Oh, bella! Vivere alle spalle di Giacinta, si capisce.

— È un vile!... Ed essa lo stima ancora?

— Voi altre donne! Siete capaci di tutto — esclamò il cavaliere. — In fin dei conti, non la biasimo, precisamente; non voglio fare il moralista. Sono, anzi, di manica larga; e se debbo dirlo, una bella signora che non abbia un amante mi pare una stupida...

La Marulli sentì morirsi sulle labbra una parola di protesta.

— Però, in questo caso, la questione muta aspetto. Sarà un gran chiacchiericcio. I vostri nemici (ne avete parecchi non bisogna dissimularvelo) rideranno troppo, usciranno dalla pelle. Diavolo! Mancava bei giovani? Qui c’entra di mezzo il puntiglio di campanile. Una città è una persona; ha il suo amor proprio anche essa. Questa preferenza per un forestiero...

— Che debbo fare? — domandò la Marulli, risoluta.

— Indurre Gerace a ritirar la rinunzia. Ma temo — conchiuse il Mochi, con una specie di cantilena — temo che senza la Giacinta non ne faremo nulla!

Giacinta trovavasi nel suo salottino, abbandonata sulla poltrona, in uno di quei deliziosi abbattimenti che le montavano all’improvviso dalle viscere agi-