Pagina:Capuana - Giacinta.djvu/167

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 165 —


stra, dov’egli se ne stava col Gessi ad osservare le finestre del palazzo Sturini, che si oscuravano ad una ad una.

— Sono morti tutti, di noia! — ripeteva Andrea ridendo. — I carrozzoni dei trasporti funebri già li portano via.

— So che preferisce il caffè — gli disse Giacinta.

Gessi si allontanava prudentemente, diventando un po’ rosso.

— M’ingannavo? Vedi, si sono stancati! — soggiunse Giacinta.

E si affrettò a raggiungere il Gessi:

— Vuol thè o caffè?

— Grazie, preferisco queste — egli rispose, stendendo la mano alle chicche del vassojo che Elisa Maiocchi gli presentava in quel punto.

— Ah! vi servite tra voi altri! Sta bene — replicò Giacinta con malizia.

Gessi diventò più rosso di prima. Elisa, magrissima, diritta come se avesse inghiottito il manico della granata, lo guardava con civetteria e gli domandava, per imbarazzarlo:

— Perchè diventa così rosso?

XVIII.

Per due giorni, Giacinta tenne il broncio alla delicata creaturina che vagiva a piè del suo letto. Quella bambina le aveva bruscamente distrutti tutti i bei castelli in aria fabbricati con tanta delizia, da più di otto mesi.

Si aspettava così sicuramente un bimbo, che non