Pagina:Capuana - Giacinta.djvu/204

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 202 —


— Se potessi non amarlo più! Se una mattina mi svegliassi col cuore rassegnato o indifferente!

— Ma dunque lei crede di amarlo ancora? — le disse il dottor Follini.

Giacinta gli spalancò gli occhi in faccia, come s’egli avesse tentato di strapparle un brano del cuore, vivo vivo!

Il dottore, un po’ sconcertato, si mise a sfogliare alcuni giornali di moda aperti sul tavolinetto di lacca. S’era dunque ingannato?

— Con le donne, chi indovina è bravo.

— Perchè? — domandò Giacinta, dopo alcuni momenti di silenzio.

— È inutile che glielo spieghi. Può anche darsi ch’io non abbia saputo osservar bene, o abbia scambiato un fenomeno per un altro, o mi sia lasciato fuorviare dalle apparenze... Forse...

— Dica!

— Forse... non sono più disinteressato come sul principio.

— Scherza!

— E se parlassi seriamente?

— Capisco: è una gentile maniera di rimproverarmi. Ha ragione; divento indiscreta. Ma che vuole? Nessuno sa intendermi. Lei solo mi tollera, mi compatisce, come una vera malata.

— Purchè la malattia non si attacchi al dottore!

— È impossibile; lei sa bene...

Certamente, non era possibile. Perchè s’era lasciate scappar di bocca quelle parole?

— Le donne come quella amano una volta sola; le loro forze si esauriscono nell’unica battaglia della loro vita...

E scendendo le scale, a capo chino, il dottore