Pagina:Caterina da Siena - Epistole, 3.djvu/44

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
44

44 La verità sua fu questa, che elli ci creò per gloria e loda del nome suo, e perchè noi participassimo reterna bellezza sua, perchè fussimo santificati in lui.

Chi cel dimostra che questo sia la verità? il sangue dello immaculato Agnello. Dove troviamo questo sangue?

nel cognoscimento di noi.Noi fummo quella terra dove fu fitto il gonfalone della croce: noi stemmo come vasello a ricevere il sangue deirAgnelIo che corriva giù per la croce; perchè fummo noi quella terra ? perchè la terra non era sufficiente a tenere ritta la croce, anco arerebbe refiulata tanta ingiustizia; nè chiovo era sufficiente a tenerlo confitto e chiavellatto, se l’amore ineffabile che elli aveva alla salute nostra non l’avesse tenuto. Sicché dunque l’affocata carità verso l’onore del padre e la salute nostra il tenne: adunque fummo noi quella terra che tenemmo ritta la croce, e siamo il vaso che ricevemmo il sangue. Chi cognoscerà e sarà sposo di questa verità, trovarà nel sangue la grazia, la ricchezza e la vita della grazia, e trovarà ricoperta la nudità sua, e vestito del vestimento nuziale del fuoco della carità, intriso ed impastato sangue e fuoco, il quale per amore fu sparto e unito con la Deità. Nel sangue si pascerà e notricarà di misericordia; nel sangue dissolve la tenebre e gusta la luce; perocché nel sangue perde la nuvola dell’amore proprio sensitivo, ed il timore servile che dà pena, e riceve timore santo e sicurtà nel divino amore, il quale ha trovato nel sangue; ma chi non sarà trovato amatore della verità, non la cognoscerà nel cognoscimento di sè e del sangue che elli vada schiettamente e senza frasche, o novelle, o timore servile e senza il lume della fede viva, non solamente in parole, ma cli

basti d’ogni tempo, cioè, nell’avversità come nella prosperità e nel tempo della persecuzione, come nel tempo della consolazione, e per neuna cosa diminuisca la fede ed il lume suo: perocché la verità ha fatto cognoscerc nella verità, e non tanto per gusto ma per prova, dico, che se questo lume c questa verità 1:011