Pagina:Cattaneo - Rivista di varii scritti intorno alla Strada ferrata da Milano a Venezia.djvu/60

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

da milano a venezia 99

un pericolo grave per Bergamo; se il capriccio di Borsa non lasciasse condurre a termine la seconda parte dell’opera, perdere la rapida communicazione con Brescia e tutte le città vénete, e porsi 47 chilometri indietro di Milano! Ma il braccio di Treviglio potrebbe, nello stesso supposto, valer ancora otto milioni e mezzo, e rendere più del 20 per cento. Perlochè in tal caso l’impresa della strada di Monza, se si prolungasse fino a Bergamo e a Chiari (o Coccaglio, che in tutti questi calcoli è lo stesso), potrebbe perdervi quel guadagno, che finora potrebbe essersi assicurata. Il freddo calcolo consiglia dunque, a circostanze pari, di lasciare il braccio di Monza qual è; e trasferire la speculazione sopra quello da Treviglio a Bergamo. Infatti è meglio aver due buone e piccole imprese in due luoghi diversi, che guastarne una per prolungarla al di là de'suoi limiti di favorevole probabilità.

Ma i periti dicono che il braccio da Treviglio a Bergamo ha una pendenza intrattabile. Cominciamo a rispondere che il limite delle pendenze lodevoli si deve oltrepassare su tutti codesti tronchi. Quello da Monza a Bergamo per un buon quarto (8800m) oltrepassa il 4 per mille (1/251), e per altri 3000 metri sorpassa il 6 1/2 (6,66m). Quello da Bergamo a Chiari, o propriamente a Coccaglio , per poco meno della metà (10,600m) riesce del 5 per mille.

Sommiamo queste tre lunghezze e le loro pendenze; e avremo 22 chilometri colla pendenza di 109 metri; mentre in fin del conto il braccio di Treviglio è di 19 chilometri colla pendenza di 117. Ma su questo braccio non siamo costretti a condurre inutilmente e a grave spesa tutte le merci che si muovono tra Milano e il territorio bresciano e veneto, nè ad alterare la forza delle macbine e delle guide, e l’impianto tecnico ed economico di tutta la linea lombardo-véneta.

Inoltre abbiamo sul braccio di Treviglio un márgine, che, a circostanze pari, dai tre milioni del conto preventivo giunge fino ai supposti 17 milioni. Ora, crediamo noi forse che l’arte quando può disporre di tanto denaro non abbia ripieghi d’opere grandiose ?

Noi però crediamo che, trattandosi d’una linea laterale, nessun altro ripiego sia miglior di quello d’adoperar macbine alquanto più forti che sulla linea maestra, e rafforzar