Pagina:Catullo e Lesbia.djvu/250

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
244 varianti.

da Cesare, Bell. Gall., l, 33: Infectis iis, quæ agere destinaverat; e da Livio, VII, 33: Morte sola vinci destinaverant animis. Epperò non è mestieri interpretare: Certus mori, destinatus mori, come fa il Marcilio (Aster. VIII), invocando a sproposito l’autorità di Valerio e di Tacito.





LXXIII.


Pag. 174.          Multo mi tamen es vilior et levior.


I MS:

Multo ita me nec vilior et levior.

L’edizione di Aldo:

Mullo ita ne mî tu vilior et levior;

Achille Stazio si conforma ai manoscritti, ma accetta di buon grado la lezione del Guarino, ch’è è stata da me preferita.

Le più antiche edizioni: Quid amantem; quid o quod invece di quia, come in Cicer., 11; Verr., 13, 11; Catil., 6, ed Att., 2, 4; Plaut., passim.