Pagina:Catullo e Lesbia.djvu/279

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

annotazioni. 273

omnes amore imbecillores sunt, come dice Agatone nel Convito.

E si può vivere senza amare?

Cras amet qui nunquam amavit, quisque amavit cras amet.

Amiamo dunque finchè c’è concesso, dum fata sinunt; per dirla con Tibullo:

Interea, dum fata sinunt, jungamus amores;
     Iam veniet tenebris mors adoperta caput.

E Properzio, quasi con le stesse parole:

Dum nos fata sinunt, oculos satiemus amore.

Si contenta però di molto meno; saziar gli occhi, e niente altro. Ma l’amore incomincia dagli occhi: ex aspectu nascitur amor.

Amuri, amuri accumenzi di l’occhi,
E poi di l’occhi scinni ’ntra lu cori.

E il Poliziano:

O bello Dio, che al cor per gli occhi spiri
Dolce desir d’amaro pensier pieno, ec.

Amiamo; la vita è tanto breve!

Onde Marziale ha ragione:

Non est, crede, sapientis dicere: vivam.
Sera nimis vita est crastina: vive hodie.

E il casto Virgilio:

Pone merum et talos; pereat qui crastina curet,
Mors autem vellens, vivite ait, venio.