Pagina:Cessione del Veneto (1895).djvu/8

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

cessione del veneto. 29

sportabile o non trasportabile. La firmai con piacere, perchè, senza dirlo, escludeva completamente Lebœuf.

Se non mi fossi assunta tutta la responsabilità, ed avessi chiesto istruzioni a Firenze, sarebbe occorso un bel pasticcio.

Ricasoli non voleva assolutamente che avessi riguardi per Lebœuf: Visconti-Venosta diceva di lavorare d'accordo con lui contro l'Austriaco: Cugia trovava utile di acquistare la maggior quantità di materiale, perchè si aveva a prezzo conveniente e la spesa non figurerebbe nel suo bilancio: Scialoja voleva che si riducessero gli acquisti all'assoluto minimum obbligatorio, perchè non si avevano denari: Nigra consigliava riguardi alla Francia: Menabrea all'Austria. Agendo da me, poco mi preoccupavo di tali divergenze. Non potevo prevedere, che mentre io cercavo di ridurre il più possibile la categoria del materiale non trasportabile il cui acquisto era obbligatorio per l'Italia, il nostro ministro a Vienna combinava senz'altro la fissazione di una somma da pagarsi in corpo (en bloc) pel materiale non trasportabile, cosicchè tutte le mie difese in proposito diventarono offese al nostro erario! La divergenza era all'ordine del giorno del nostro Governo.

Il Ministro degli Esteri, comunicandomi questa bella novità concordata a Vienna, aggiungeva che non rimaneva che a concertare lo sgombro e la consegna delle fortezze! Il non rimane altro mi fece sorridere, e non avrebbero riso i Ministri se avessi loro chiesto istruzioni per fare questa operazione che era proprio il pelare la coda del gatto.

Ne ridemmo con Mœring per esserci fatti avvocati della parte avversa. Lebœuf ci era diventato antipatico, Mœring lo chiamava Jupiter. Pel materiale si concordarono con Mœring dei cœfficienti per ogni qualità e condizione, e così avuti i verbali si potè determinare l'importo del pagamento.

Mœring aveva dei momenti di rabbia, perchè il suo Governo ben lungi dal lasciarlo libero di fare, come lo ero io, l'inceppava e ritardava pedantescamente.

Ero perfettamente d'accordo con Alemann. Così ottenni l'istituzione della Guardia nazionale, dapprima nè vestita nè armata, poi che