Pagina:Chi l'ha detto.djvu/149

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[397-398] Donna, matrimonio 117

A proposito di un clamoroso processo, il processo Le Roy Dubourg, dove un marito, colta la moglie in flagranza di adulterio, l’aveva uccisa insieme all’amante, Henry d’Ideville aveva pubblicato nel Soir un articolo sulla questione: «Faut-il tuer la femme adultère? Faut-il lui pardonner?». Alessandro Dumas figlio rispose nel giugno 1872 con un celebre opuscolo L’homme-femme, di cui la conclusione è la seguente: «Ce n’est pas la femme (parla della donna colpevole), ce n’est même pas une femme; elle n’est pas dans la conception divine, elle est purement animale; c’est la guénon du pays de Nod, c’est la femelle de Caïn; — tue-laDumas ha poi scritto la Femme de Claude (l’annunzia già nell’Homme-femme) per sostenere sul teatro la sua tesi; ma ne ha errato la dimostrazione, poichè Claudio uccide Cesarina perchè ladra e traditrice della patria, non perchè adultera.

Al Tue-la classico furono contrapposte altre frasi, Tue-le, Tue-les: il primo da chi consiglia di risparmiare l’adultera, e vendicarsi sul complice, il secondo da chi vuole punire ambedue. Dumas stesso svolge la tesi del Tue-le in altro de’ suoi drammi, anteriore di alcuni anni alla Femme de Claude, la Diane de Lys dove il marito offeso uccide l’adultero, ed agli accorsi risponde: «C’était l’amant de ma femme, et je l’ai tué!» — Invece Émile de Girardin nella risposta all’Homme-femme, pubblicata nel luglio 1872 col titolo: L’homme et la femme, ricordando il processo Le Roy Dubourg, dove era un marito che aveva fatto una pratica applicazione del Tue-les, dice che quell’uomo era turbato dallo scioglimento della Diane de Lys.

A coloro ai quali il consiglio di Dumas o de’ suoi imitatori non garbasse troppo, e che non si sentissero di ripetere a sé medesimi la terribile interrogazione di Otello:

397.   Come la ucciderò?

nel dramma lirico omonimo di Arrigo Boito, musica di Verdi (a. III, sc. 6), suggerirò forse il divorzio? prima di tutto il divorzio non è ancora ammesso dalla nostra legislazione, e poi

398.   Le divorce est le sacrement de l’adultère.1

  1. 398.   Il divorzio è il sacramento dell’adulterio.