Pagina:Commedia - Inferno (Buti).djvu/877

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[v. 67-78] c o m m e n t o 833

Sol nel mondo uscio; cioè in fin che venne l’altro di’. Come un poco di raggio si fu messo; per qualche buco, Nel doloroso carcere; detto di sopra, et io scorsi Per quattro visi il mio aspetto stesso; cioè vidi l’immagine mia nel volto de’ miei quattro figliuoli, Ambo le mani per dolor mi morsi; provocato da ira che la movea il dolore; Et ei pensando ch’io il fessi per voglia Di manicar, di subito levorsi; cioè li miei figliuoli, avendo compassione a me, E disser: Padre, assai ci fia men doglia, Che tu mangi di noi: tu ne vestisti; cioè tu vestisti noi, Queste misere carni: però che la nostra carne è della tua generata, e tu ne spoglia; cioè e tu ce ne priva. Queta’mi allor; io conte, per non farli più tristi; ch’elli si fossono: Lo di’; cioè quel di’ ch’era il secondo, e l’altro; cioè il terzo di’, stemmo tutti muti; cioè il di’ secondo e’l terzo, et eglino et io non parlammo. Ahi dura terra! perchè non t’apristi; a inghiottire noi per levarci di tanta miseria, o per inghiottire coloro che ciò ci faceano sostenere? Et è qui colore che si chiama esclamazione.

C. XXXIII — v. 67-78. In questi quattro ternari finge l’autore che ’l conte, seguitando suo parlare, manifesta la morte de’ figliuoli e sua, dicendo: Poscia che fummo al quarto di’ venuti; dal di’, che fu chiavato l’uscio e vietato il cibo, Gaddo; questo è il nome dell’altro figliuolo, mi si gittò disteso a’ piedi; venendo meno per la fame: dicono li medici che tre di’ può vivere l’uomo sanza mangiare, e però finge che così vivesse costui: è vero che chi è di forte natura viverebbe più; ma comunemente ogniuno tre di’, Dicendo: Padre mio, che non m’aiuti? Odi parole accoratone che l’autor finge! Quivi mori; cioè Gaddo, a’ piedi miei disteso; e come tu mi vedi; cioè come tu vedi me, Vid’io cascar li tre ad uno ad uno; cioè li altri tre miei figliuoli; cioè 1 Anselmuccio, Uguccione, e Brigata, Tra il quinto di’ e il sesto; sì che v’ebbe di quelli che vennono al sesto di’, ond’io mi diedi; cioè io conte, Già cieco a brancolar sopra ciascuno; cioè diventato cieco per la fame, E due di’ li chiamai, poi che fur morti; sì che per questo mostra che vivesse qualche otto di’ 2: Poscia, più che il dolor, poteo il digiuno; cioè poscia il digiuno finì la vita mia, la quale conservava il dolore; e così rende ragione come potee tanto vivere, e dice che ne fu cagione il dolore. E questo finge l’autore,

perchè dopo li otto di’ ne furono cavati e portati inviluppati nelle

  1. I quattro infelici, che morirono di fame insieme col conte Ugolino nella torre de’ Gualandi, non erano tutti di lui figliuoli; ma solamente Gaddo ed Uguccione. Gli altri due erano suoi nepoti, perchè Nino detto il Brigata era figlio del conte Guelfo, primogenito di Ugolino; ed Anselmuccio, del conte Lotto, altro figliuolo. Moglie del suddetto conte Ugolino fu la contessa di Montegemoli da Siena; ed ebbe ancora un altro figliuolo, nomato Banduccio, il quale nel 1285 sposò Manfredina, figlia di Manfredi Malaspina, marchese di Villafranca. E.
  2. C. M. in fine all’ottavo di’,
Inf. T. I. 53