Pagina:Commedia - Purgatorio (Buti).djvu/242

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
   232 p u r g a t o r i o   x. [v. 46-69]

stito umilmente a modo dei sacerdoti, andava cantando e eitarizando innanti a l’arca, e condussela in verso la città. E quando piacque a Dio, li buoi incomincionno a ricalcitrare, e non volere andare più innanti; et essendo punti incomincionno a levare lo carro, sicché l’arca fu per cadere, unde uno dei familli del re puose mano a l’arca perch’ella non cadesse, lo quale aveva nome Oza. Per la qual cosa Iddio corucciato contra di lui, perchè s’impacciò di quello che non era licito a lui, che non era suo officio toccare e ministrare le cose sacre, cadere lo fece quive morto; e quive rimase l’arca per mesi tre, in casa di Obedion Zarei, e poi tornò David al modo primo per essa, e condussela in la città al modo ditto di sopra. Unde Micol sua donna 1, filliuola del re Saul stava a la finestra; e vedendo lo re così despetto, se ne meravilliò e turbossi de lo stato vile del re. E questa istoria è contra lo superbo che non pate 2 suo pari: imperò che David s’umiliò a pari dei sacerdoti e dell’altro populo che accompagnava l’arca; li sacerdoti d’inanzi, e’l populo di rieto. Dice adunqua così: Non tener pur; cioè tu, Dante, parla Virgilio, ad un luogo la mente; cioè non considerare pur lo primo grado dei superbi: imperò che, volendo purgare interamente lo peccato de la superbia, è mestieri che si considerino tutti e tre li suoi gradi; e però li mostra Io secondo grado ora in questa istoria per opposito: mostratoli lo primo ne la prima istoria dell’umilità de la Virgine Maria; così ora li mostra Virgilio, che significa la ragione, lo secondo in questa istoria, mostrandoli l’umilità di David, e però dice: Disse ’l dolce Maestro; cioè Virgilio, che m’avea; cioè me Dante, Da quella parte ove il cuor à la gente; cioè m’avea dal lato manco. E questo, secondo la lettera, è conveniente: imperò che, giunti in sul balso, e Virgilio che guidava Dante stando ritto verso la parete de la cornice per andare, e Dante guidare in verso man destra, come finge l’autore che tutta via andasseno per lo purgatorio, come per lo inferno, àe finto che andasseno in verso man sinistra; e Dante volendo onorare Virgilio, andandoli 3 dirietamente su convenia che stesse dal lato manco di Virgilio, e così lo lato manco di Virgilio venia al lato destro di Dante; ma allegoricamente dà ad intendere che la virtù sensitiva, significata per Dante, àe suo principio dal cuore. Perch’io; cioè Dante, mi mossi; del luogo dove prima era e passai dal lato destro di Virgilio, come si specifica di sotto, e col viso vedea; io Dante, Di rieto da Maria; dice di rieto de la storia ditta di sopra de la Virgine Maria, da quella costa, Onde m’era colui che mi movea; cioè da

  1. C. M. donna ditta di sopra, filliuola
  2. Pate; patisce, da patere. E.
  3. C. M. andandoci di rieto, giunto su convenia