Pagina:Commedia - Purgatorio (Buti).djvu/504

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
   494 p u r g a t o r i o

100E per esser vissuto di là quando
        Visse Virgilio, assentirei un Sole
        Più che non deggio, al mio uscir di bando.
103Volsen Virgilio a me queste parole1
        Con viso che tacendo, disse: Taci;
        Ma non può tutto la virtù che vole:
106Che riso e pianto son tanto seguaci
        A la passion da che ciascun si spicca,
        Che men seguen voler nei più veraci.
109lo pur sorrisi, come l’om che ammicca;
        Per che l’ombra si tacque, e riguardommi
        Nelli occhi, ove ’l sembiante più si ficca.
112Deh, se tanto lavoro in bene assommi,23
        Disse, perchè la tua faccia (esteso
        Un lampeggiar di riso dimostrommi?
115Or son io d‘una parte e d’altra preso;
        L’ una mi fa tacer, l’ altra scongiura
        Ch’ io dica; ond’ io sospiro, e sono inteso
118Dal mio Maestro; e non aver paura,
        Mi dice, di parlar; ma parla, e dilli4
        Quel che e’ dimanda con cotanta cura.
121Ond’io: Forsi che tu ti meravilli,
        Antiquo spirto, del rider ch’io fei;5
        Ma più d’ammirazion vo che ti pilli,
124Questi, che guida in alto li occhi miei,
        È quel Virgilio, dal qual tu tolliesti
        Forsi a cantar delli omini e de’ dei.6

  1. v. 103 C. A. Volser
  2. v. 112 C. M. E, se tanto,
  3. v. 112 C. A. E se tanto labore
  4. v. 119 C. A. Mi disse,
  5. v. 122 C. M. C. A. Antico
  6. v. 126 C. A. Fortezza a cantar d’ uomini e di Dei.