Pagina:Compendio della poesia tragicomica.djvu/26

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
368 della poesia tragicomica.

Ma non pare che sia senza difficultà lo intendere con qual’altri si sieno accozzatti insieme due poemi di spezie differentissimi, sì che un terzo ben regolato e non difettoso se ne sia tratto: parendo cosa impossibile che ’l poema tragico, lagrimoso, si possa mai accordare sì ben col comico, tutto riso, che l’arte non se ne dolga. Accresce questa difficultà ch’ogni poema, quanto è più perfetto (parlando dell’unità non nuda, ma ben vestita); la quale eccellenza è per modo commendata da tutti i buoni maestri di queste arti, che vizioso debbia stimarsi qualunque s’è quel poema che ne sia privo. E se la tragedia e commedia, quando son separate, possono agevolmente cadere in questo difetto, che sarà poi della lor terza spezie, che senza moltiplicità par che sonsiderare e profferir non si possa? E nel vero è troppo ragguardevole, e necessaria parte, in ogni sorte di poesia, questa unità: sì perciocchè la forma che dà l’essere a