Pagina:Compendio della poesia tragicomica.djvu/40

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


sime? Se noi crediamo ad Aristotile, anzi pure alla viva ragione, non ha alcun dubbio. E pure il medesimo Filosofo e confonde, e fanne il misto della repubblica. Nella quale non sono eglino i cittadini persone umane, umane operazioni i governi? E se questi che operan daddovero si mischiano, l'arte poetica in coloro che fan da scherzo non potrà farlo? nella potenza de' pochi non governano i soli grandi? e nella popolare i plebei? e questi non son contrari? e pure si congiungono in un sol misto. La tragedia non è ella altresi imitazione de' grandi, e la commedia de' bassi? e i bassi non sono contrari ai grandi? e perché non può farlo la poesia, se la politica il fa? E perché ciò si vegga più chiaramente, vengasi all'armi corte dell'argomento. Ovvero nella repubblica mista sono due comunanze: l'una popolare, e l'altra di pochi: ovvero ciò in una medesima e sola comunanza si trova il democratico e l'oligarchico. Se saranno due comunanze, peccherà nel-