Pagina:Contributo alla storia della letteratura romanesca.djvu/33

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

33

grado tutto, egli sentiva essere già illuminato dai raggi della gloria.

Così il Belli è anche uno degli esempi più luminosi di coscienza artistica severa e immacolata, e se negli ultimi anni di sua vita spinse la reazione oltre i limiti del ragionevole, noi dobbiamo compatire alla malattia dello spirito tormentato dal dubbio, che andava cercando con quelle esagerate manifestazioni di confermar se stesso in sentimenti e in credenze che ripugnavano alla ragione, e dobbiamo dolerci di questo, non altrimenti che dello spietato malore che spense il divin raggio negli occhi di Galileo.

Ma il popolo, che aveva perduto il suo poeta, si consolò ripetendo i suoi canti, e confortandosi con essi a percorrer la via, ch’Egli aveva illuminato con la luce del suo ingegno; e la percorse animoso nei pericoli, instancabile nella avversità, cadendo qualche volta sul cammino, ma rialzandosi sempre, più forte, più infiammato d’indomabile amore, fino alla gloria di Porta Pia.