Pagina:Cristoforo Colombo- storia della sua vita e dei suoi viaggi - Volume II (1857).djvu/22

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
2 libro terzo

fatto il voto d’imporre l’augusto nome di Lei alla prima terra che scoprirebbe1.

Colombo non andava più in cerca d’isole: non voleva più investigare le spiagge della gran terra di Cuba, creduta principio delle Indie: andava allora ad interrogare gli spazi sconosciuti dell’Oceano a mezzogiorno, e si avanzava risolutamente alla ricerca di un Nuovo Continente, che la sua intuizione gli diceva dover essere sotto una latitudine più avanzata vers’Occidente. Le sue speranze collocavano quasi pari questo nuovo viaggio quanto all’importanza, alla sua prima scoperta2. Da principio si drizzò al sud per evitare una flotta francese in crociera verso il Capo San Vincenzo3.

Giunto il 7 giugno a Porto-Santo, l’Ammiraglio vi udì la Messa, fece le provviste di legne e d’acqua, e andò a gettar le ancore a Madera, ove il governatore e la maggior parte degli abitanti, che già lo conoscevano, lo ricevettero con gran pompa. Vi passò sei giorni per provveder viveri e sugo di canna, o cassonade. Di la andò alla Gomera; indi continuò la sua strada.

Preoccupato sempre dei bisogni della colonia, giunto l’Ammiraglio all’altezza dell’isola del Ferro, spedì direttamente alla Spagnola tre navi comandate da suo cognato Pedro de Arana, da suo cugino, genovese, Giovanni Antonio Colombo, e da Alonzo Sanchez di Carvajal: insegnò loro qual via dovevano tenere, indicando la più breve. Ciascuno di questi tre doveva per una settimana, e per turno avere il comando della flottiglia.

Allora Colombo colle altre tre navi mise la prora verso la zona torrida a «in nome della Santissima Trinità4

Un attacco di gotta, che sin dal quarto giorno er’aggravato

  1. Oviedo y Valdez, Historia natural y general de las Indias, lib. III, cap. iii.
  2. «Una empresa tan importante y gloriosa en su idea como el primer descubrimiento.» — Muñoz, Historia del Nuevo Mundo, lib. VI, § 23.
  3. Herrera dice che questa flotta era portoghese, ma Las Casas accerta ch’essa era francese; ed anche la relazione di Colombo non ammette dubbio in riguardo a ciò.
  4. Herrera, Storia generale delle Indie occidentali. Decade I, lib. III, cap. ix.