Pagina:Cristoforo Colombo- storia della sua vita e dei suoi viaggi - Volume II (1857).djvu/256

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
236 libro quarto

nare espressamente il consiglio per comunicargli la sua proposizione.

A che Francesco Porras rispose in tuono motteggevole, crudelmente aggravato dall’insolenza del gesto, non avervi uopo di tanti discorsi, che dovesse pensare ad imbarcarsi subito, se no restasse alla guardia di Dio; e andò via; «Io me ne vado in Castiglia; chi mi ama mi segua,» gridava costui a’ suoi concittadini sivigliani che gli si erano fatti intorno, e que’ gridarono ad una voce — veniam tutti! E al tempo stesso si disseminarono in ogni parte dell’accampamento. L’armaiuolo Juan Barba osò sguainare la sciabola, minacciando le genti dell’Ammiraglio. I marinai di Siviglia saccheggiarono il magazzino delle armi, ov’erano custoditi gli oggetti da scambio: presero le mercanzie, gli utensili che loro convenivano, gridando Castiglia! Castiglia! mentre altri, suscitati dai Porras, urlavano — muoiano!

In quella orribile confusione, l’Ammiraglio cercò di uscire dal suo letto: cadde, si rialzò, e ricadde ancora, ma persistette a volere uscire e ad andare laddove si tumultuava. Il suo giovanetto figlio, i suoi ufficiali, i suoi scudieri lo presero nelle loro braccia, e lo riposero nel letto1. Intanto l’Adelantado, che aveva impugnata un’alabarda, si era messo vicino alla pompa, per vietare ai ribelli di accostarsi al castello di dietro. Gli ufficiali e i servi affezionati a Colombo lo trascinarono nella cabina dell’Ammiraglio; ed obbligarono i fratelli Porras a ritirarsi, dicendo loro, che, poichè si lasciavano fare e pigliar quello che volevano, sarebbe stata cosa prudente che si ritirassero prima di essere causa della morte dell’Ammiraglio, del qual fatto certamente sarebbero severamente puniti in Castiglia dalla giustizia della Regina2. Allora i ribelli s’impadronirono dei canotti che l’Ammiraglio aveva comprati dagli Indiani, così per servirsene al bisogno, come per toglier loro una facilità di attaccare il campo, e partirono mettendo grida di trionfo. Il successo ingrossò la loro fazione; facevano a chi raccoglierebbe più pron-

  1. Herrera, Storia generale dei viaggi, ecc. nelle Indie occidentali. Decade 1, Iib. VI, cap. v.
  2. Las Casas, Historia de las Indias, lib. II, cap. xxxii. Ms.