Pagina:Cristoforo Colombo- storia della sua vita e dei suoi viaggi - Volume II (1857).djvu/269

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo sesto 249

il tributo, ed a visitare una sovrana che si era sempre dimostrata benevola pei Castigliani. Incontanente Anacoana mandò l’ordine a tutti i cacichi di riunirsi nel suo palazzo in gran pompa, per rendere omaggio al governatore; trasse ad incontrarlo con eletto corteo, al qual erano familiari quelle danze di sua composizione, cui ballerini in leggiadro assetto alternavano e intessevano con fanciulle che imbalsamavano l’aria coi loro fiori e le loro ghirlande1. Ella fece eseguire da trenta coriste una danza nuova, la danza verginale, ove non figuravano maritati2. Il governatore, e chi lo seguiva furono albergati in case a ciò preparate, e vennero lor dati banchetti di una insolita profusione. Trascorsero diversi giorni in allegrie. «Non poteva alcuno stancarsi di ammirare il buon gusto che regnava in quella corte selvaggia3.» Gli antichi complici di Roldano si conturbarono vedendo il severo Commendatore cadere anch’esso preso dalle allettative di Anacoana e addoppiarono i loro sforzi per farlo persuaso che sotto quella nobile ed amichevole accoglienza si occultava il colmo della perfidia.

Lo spirito inquieto e sospettoso di Ovando prestò facilmente fede a tale accusa, e s’indusse a fatti orrendi. Gli Indiani avevano trastullato coi loro giuochi i Castigliani; il Commendatore annunziò che mostrerebbe loro i giuchi equestri della Spagna. Indicò una tal festa per la domenica seguente ed invitò ad intervenirvi la regina di Xaragua, insinuandole che sarebbe cosa degna della sua grandezza condurvisi con tutta la sua nobiltà. La sala ove conveniva la corte indiana prospettava la piazza in cui si doveva eseguire il carrosello. Anacoana, il fior d’oro, sempre bella, come allorquando il cavalleresco Adelantado rendeva

  1. La descrizione dei costumi d’Haiti, e del genio poetico della regina Anacoana è fatto. mirabilmente da don Ferdinando Denis nel suo romanzo storico Ismael ben Kaizar; A malgrado della finzione della forma, la realtà dell’osservazione si fa sentire in questo serio studio locale; e sarà riconosciuto assai più importante e completo che nol. sia la Storia dei Cacichi d’Haiti, di Emilio Nau.
  2. Oviedo e Valdez, Storia naturale e generale delle Indie, lib. V, cap. i.
  3. Il P. Charlevoix, Storia di San Domingo, lib. IV.