Pagina:Cristoforo Colombo- storia della sua vita e dei suoi viaggi - Volume II (1857).djvu/305

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo ottavo 285

dite secondo la forma ordinaria. Allora dimandò che si ritardasse almeno la partenza dei vescovi1 finch’egli avesse parlato al Re; correva il 18 gennaio. Sicuramente, anche questa dimanda sarebbe stata messa da parte, se la cosa fosse dipenduta solo dalla corte: sendochè il dì medesimo, il corriere recava a Siviglia, da trasmettersi al governatore di Hispaniola, nuove istruzioni di cui l’Ammiraglio ignorava il suggetto.

Ma in quella che l’Ammiraglio languiva disgraziato, infermo, e povero nella città calunniatrice, diventata per lui una nuova Cedar2, il Capo della Chiesa, che pigliava sul serio la vice-reggenza dell’Araldo della Croce, si maravigliava come in questa creazione di vescovadi, motivata da rapidi progressi della conversione degli indigeni, il Vice-re delle Indie non avesse pronunziata alcuna opinione, nè fosse fatta parola di lui. Questo silenzio di Colombo, e sopra Colombo, Porta-Croce del Cattolicismo, parve sospetto.

Alla Corte Pontificia non erano ignote nè l’invidia nè le persecuzioni ond’esso era oggetto. Questa creazione di un arcivescovado, e al tempo stesso di due vescovadi, per rispondere ai bisogni improvvisi dei tre centri delle popolazioni indiane sollevò gravi dubbi nella Cancelleria Romana. Incontrastabilmente i tre vescovi proposti offrivano tutte le guarentie desiderabili di pietà e di ortodossia: erano il padre Francescano Garcias di Padilla, il dottor Pietro de Deza, nipote del Domenicano arcivescovo di Siviglia, e il licenziato Alonzo Mansa, canonico di Salamanca3: onde queste elezioni furono gradite alla Santa Sede. Nondimeno, nella sua prudenza, essa non fece la spedizione della Bolla, sin a più ampie informazioni: così la Corte di Roma esaudì, come se

  1. “El enviar Obispo á la Española se debe dilatar fasta fablar yo á su Alteza.” — Cartas de don Cristobal Colon a su hijo don Diego.
  2. “Heu mihi quia incolatus meus prolungatus est! Habitavi cum habitantibus Cedar.” — Psalm. cxix.
  3. I tre soggetti proposti e accettati furono: il dottor Pietro di Deza, nipote dell’arcivescovo di Siviglia, per l’arcivescovado di Xaragua; il padre Garcia di Padilla, francescano, pei vescovado di Larez, e il licenziato Alonzo Mansa, canonico di Salamanca, per quello della Concezione. — Il Padre Charlevoix, Storia di San Domingo, lib. v, pag. 310, in 4°.