Pagina:Cristoforo Colombo- storia della sua vita e dei suoi viaggi - Volume II (1857).djvu/407

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo decimo 387


I Francescani di Roma hanno dato asilo a questa non peritura memoria. L’amicizia del padre Juan Perez de Marchena per Cristoforo Colombo si è trasmessa nell’Ordine Serafico. I Francescani di Roma, i Minori Conventuali, i Religiosi dell’Osservanza, i Cappuccini sonosi conservati fedeli depositarii della sua memoria. E, dal canto loro, neppure i Domenicani lo hanno messo in oblio. Troveremmo anche oggi fra loro Dieghi Deza per difendere la sua fama, cominciando dal lor vicario generale, il reverendo padre Jandel, di cui si onora la Francia.

Noi adunque ripetiamo:

L’araldo del Re di gloria è in faccia alla Chiesa, nella condizione di un beato, prima della sua beatificazione.

E perchè non lo diremmo dacchè ne abbiamo il presentimento? Verrà giorno, sicuramente, in cui la virtù che Dio fece spiccare nel Messaggero della Salute sarà solennemente qualificata. Quello il qual esercita la sovranità spirituale del mondo parlerà, e la Chiesa aggiungerà un titolo ai nomi così maravigliosamente significativi dell’eletto dalla Provvidenza. Dichiarata la santità di Cristoforo Colombo, non mancherà oggimai nulla alla riabilitazione di questo eroe. Spetta al Papato, in tempo opportuno, decidere nella sua sapienza su quest’aureola che sarebbe il solo ornamento degno di una tal gloria.

Ma, si dirà forse, un Santo opera miracoli. Chi afferma e prova che l’Araldo della Croce non ne abbia mai operato? Noi addurremo la prova, che, dopo i prodigi operati in vita, egli ha fatto dopo la morte miracoli; sicchè non abbiamo alcun dubbio che non possa operarne di nuovi.

Dio ha voluto che il segno della Redenzione, la Croce che il suo Rivelatore aveva così amorosamente portata nel Nuovo Mondo, rendesse testimonianza alla virtù di lui, e che grazie particolari venissero a segnalare alla venerazione de’ cristiani una croce che Cristoforo Colombo aveva piantato alla Spagnuola, qual omaggio di tenera pietà verso il Salvatore degli uomini.

Questo fatto merita di essere riferito.