Pagina:Cristoforo Colombo- storia della sua vita e dei suoi viaggi - Volume I (1857).djvu/390

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


382- LIBRO SI'COISDO avrebbe potuto riuscire di edificazione e salute al Nuovo Mondo, anche servendo la Spagna col suo accorgimento diplomatico; ma investito dal Re di un mandato spirituale, contro la designazion pontificia, non ricevette l'assistenza invisibile che avrebbe fecon- data r opera sua, onde questa fu fiacca e inefficace ; e disco- standosi dalla sua vocazione , l' orgoglioso soppiantalore cadde in deplorabili erramenti. Mentre il suo titolo di Vicario Apo- stolico l'obbligava a dar l'esempio del coraggio , dell' annega- zione , della tenera carità , e della costanza nelle prove , ei si mostrò tepido e vile ; missionario senza virtù , sacerdote senza dignità, cittadino senza obbedienza , fece disonore al suo Ordi- ne, diventò l'eco delle maldicenze, il consigliere de' cospiratori; e, per ultimo, aggiunse vergognosamente all'abbandono civile la diserzion religiosa. Complice del padre Boil , il comandante Fedro Margarit , in abbandonare il suo posto non aveva neppure provveduto a delegare i suoi poteri a qualcuno de' suoi ufficiali. Trovandosi i soldati in balia di sé medesimi , si sbandarono moltiplicando gli oltraggi e le rapine, onde già opprimevano gli Indiani. Fin allora gì' indigeni si erano sottomessi alla forza : ma quando videro gli Spagnoli indeboliti da intestine discordie, macchina- rono di ricominciare le scene sanguinose del fortino. Ad ecce- zione di Guacanagari, che, trattenuto sempre dal suo attacca- mento per Colombo, soffriva, e faceva soffrire a' suoi sudditi il mantenimento ruinoso di cento soldati impudentemente domi- ciliati sulle sue terre, i cacichi erano esasperati in vedersi op- pressi a quel modo, e risolvettero di supplire col numero all'in- feriorità delle armi. I re di Xaragua, dell' Higuey e della Vega si collegarono col Signore della casa d' oro per esterminare d'un colpo, su tutti i punti dell'isola, que'superbi ladroni. Diventato sospetto a motivo della sua ospitalità, Guacanagari non fu ammesso nella congiu- ra, venne trattato anzi qual nemico : Caonabo , aiutato da suo cognato, lo assali improvvisamente, e riuscì a rapirgli una delle sue donne e ad uccidere quella che amava maggiormente , la bella dona Catalina, che, per unirsi con lui erasi dalla Graziosa Maria gettata in mare. In diversi punti dell' isola furono scan-