Pagina:Cristoforo Colombo- storia della sua vita e dei suoi viaggi - Volume I (1857).djvu/437

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


CAPITOLO NONO 429 cercare nelle prigioni , e nelle galere i coloni da mandare al- l' Hispaniola. I Monarchi pubblicarono un indulto per tutti i sudditi col- pevoli, a condizione di servire alla Spagnuola per un certo tem- po. Si può giudicare della forza delle preoccupazioni contro quella colonia ricordando che i condannati a morte, se passavano soli due anni nell'isola, erano graziati: un anno di dimora bastava a riscattare da tutte le condanne e pene al di sotto dell' ultimo supplizio: perciò, salvo i casi di eresia, di lesa maestà, d'in- cendio e di falsa moneta, tutti i frodatori, gli spergiuri, i falsari, i ladri, gli omicidi potevano, andando ad Hispaniola, ritornare in capo a quel tempo pienamente assoluti. Una circolare go- vernativa , diretta agli ufficiali di giustizia, comandava loro di condurre tutti i condannati al bando ed ai lavori forzati , al- l' assistente di Siviglia , il quale aveva ordine di consegnarh al- l' ammiraglio appena fosse in pronto per imbarcarsi. Al tempo stesso Isabella ordinò di noleggiar navi a prezzi moderati: con- cedette all'ammiraglio la facoltà di distribuire tra' coloni i ter- reni acconci a formarvi stabiUmenti, sotto certe condizioni. Al- lora fu che la Regina , fatta consapevole delle pretese del pa- dre Boll, di Fedro Margarit e de' cavalieri Aragonesi, i quali si credevano indipendenti ad Hispaniola, perchè non erano sudditi della Castiglia, fece divieto a chiunque non fosse nato ne' suoi Stati, di andare alle Indie Occidentali. Pareva cosa giusta, che, essendo stata fatta la scoperta a spese della Castiglia, questa ne raccogliesse i vantaggi, esclusi gli stranieri. Il pubblico attribuì questa determinazione alle influenze dell' ammiraglio. Isabella confermò la nomina di don Bartolomeo Colombo , come adelantado delle Indie. Nondimeno, essendosi il Re te- nuto offeso di questa nomina, che pretendeva essere troppo importante perchè 1' ammiraglio avesse potuto farla direttamen- te, senza chiedere l'approvazione de' Sovrani, l'ordinanza no- minava puramente e semplicemente don Bartolomeo Colom- bo adelantado delle Indie, in data del 22 luglio, senza mento- vare in alcun modo la elezione fatta anteriormente dall' ammi- raglio. Tuttavia, a malgrado delle benevole disposizioni della Regina,