Pagina:Cumano - Considerazioni tecnico-economiche sulla ferrovia complementare da Treviso a Belluno per Feltre.djvu/30

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
30


1° Colla proprietà e possesso del Bosco del Cansiglio, il quale colle sue risorse ordinarie e straordinarie bilanci le perdite d’emissione e di cambio della carta di valore Sociale, e delle diminuzioni eventuali negli introiti dell’esercizio.

2° Coll’appoggio morale dei Comuni e delle Provincie interessate, il quale serva a stabilire un credito alla Società, mediante una garanzia d’un interesse fisso sulle Azioni e sulle Obbligazioni, fino alla totale estinzione di queste ultime (per 25 anni).

Il primo, lo avremo indubbiamente dal Governo, il quale se oggi concorre con questa cessione, avrà il vantaggio di vedere aumentati in pochi anni i suoi redditi, sia per le imposte sugli introiti ferroviari, sie per le prediali accresciute del Bosco, che suddiviso in proprietà limitate, ed enfiteusi, diverrà coltivato ed abitato in tutti i siti non boschivi; e quel fondo che oggi paga un imposta minima, da qui a dieci anni ed anche meno, darà allo Stato una rendita d’imposta doppia e forse anche tripla del prodotto netto attuale. Il Governo adunque non fa che mettere ad usura un capitale, che oggi ad esso frutta pochissimo.

Quanto all’appoggio morale che può prestare alla Società il concorso dei Comuni, io lo spero dall’interesse che anima le nostre rappresentanze, ed i cittadini tutti per l’utile vero del paese. Un’impresa di questo genere, renderebbe attivo il nostro commercio ora limitatato, aumenterebbe le industrie agricole e minerali della provincia, e dando forza allo spirito d’associazione, creerebbe le industrie vere della lavorazione delle materie prime, unico mezzo di accrescere il valore dei propri prodotti, e di togliere dalla miseria e dall’ozio durante l’inverno le nostre popolazioni della campagna. A tutti questi, dobbiamo aggiungere anche il vantaggio il più immediato, vale a dire l’aumento considerevole del valore del suolo, mentre la garanzia d’un interesse del 6 per 0/0 sul capitale preventivato, non sarebbe che apparente, possedendo la Società come si è veduto, i mezzi