Pagina:Cumano - Considerazioni tecnico-economiche sulla ferrovia complementare da Treviso a Belluno per Feltre.djvu/33

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

33


economiche dello Stato e dei Contribuenti, mi proverò a sottopor loro il seguente:


PROGETTO DI CONSORZIO.


1° Le Provincie ed i Comuni interessati nella costruzione ed esercizio d’una Ferrovia Complementare da Treviso a Belluno per Feltre, si uniscono nelle forme e modi legali in Consorzio regolare, allo scopo di garantire un interesse del 6 per 0/0 sul capitale che verrà impiegato dalla Società concessionaria di detta Ferrovia.

2° Il capitale di cui si garantisce l’interesse del sei per 0/0 non potrà sorpassare la somma di nove milioni di lire. Questo capitale sarà formato di 3/5 (tre quinti) in Azioni, e 2/5 (due quinti) in obbligazioni.

3° Le obbligazioni dovranno ammortizzarsi in venti anni mediante estrazione a sorte, cominciando dalla fine del sesto anno e terminando alla fine dell’anno venticinquesimo, a partire dal giorno in cui la Società avrà ottenuta la Concessione definitiva, approvata per legge.

4° Il Consorzio dura fino all’estinzione delle obbligazioni, vale a dire alla fine del venticinquesimo anno, a partire dalla data della Concessione definitiva approvata per legge:

5° Il Consorzio non avrà effetto se il Governo non concede alla Società l’assoluta proprietà e possesso del Regio Bosco del Cansiglio.

6° Nel caso in cui la rendita lorda chilometrica della linea summenzionata, superasse le L. 12,500, il di più verrà diviso in due parti eguali, tra il Consorzio e la Società, e ciò fino alla durata del Consorzio stesso.

7° Gli oneri di cui potesse essere aggravato il Consorzio e gli utili che potesse ritrarre, verranno ripartiti nel modo seguente:

a) Alle Provincie 2/5 ed ai Comuni 3/5.