Pagina:Cuoco - Saggio storico sulla rivoluzione napoletana del 1799, Laterza, 1913.djvu/292

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
282 appendice


p. 206, v. 29: Caracciolo... era... uno dei primi geni di Europa per la marina. Perché non era egli il primo? Perché non era alla testa di una marina grande quanto l’inglese, perché non serviva una corte che l’amava, perché non apparteneva ad una nazione che pregiava le sue cose. Caracciolo intanto avea guadagnato la stima della nazione; avea forzato anche il re ad amarlo; ma che poteva, ecc.

ivi, v. 33: posposto a Guillichini, Spanocchi, Thurn ed altre vilissime creature di Acton.

p. 207, v. 3: Perché non chiamar vile un uomo che conosceva Caracciolo, che poteva salvarlo, ed intanto segnò l’ordine della sua morte 1?

ivi, v. 12: il vile Thurn la comandava, ed il re... il re era a dieci passi sul legno di Nelson. Si portò la viltá finanche a volergli negare la sepoltura. Due giorni dopo il cadavere apparve galleggiante sotto il legno di Nelson, sotto gli occhi del re, quasi per rinfacciargli il suo delitto.

p. 208, v. 1: Io ho veduto quest’uomo rispettabile, quando nelle carceri avrebbe potuto salvar la vita. Hamilton e lo stesso Nelson, a’ quali avea piú volte prestati i soccorsi della sua scienza, aveano interceduto per lui. Egli ricusò una grazia che gli avrebbe forsi dovuto costare una viltá, e sdegnava una sorte migliore di quella de’ suoi fratelli.

ivi, v. 22: I suoi Saggi politici sono la miglior cosa che si possa leggere dopo le opere di Vico.

ivi, v. 25, è apposta la nota: Noi ci rimettiamo all’elogio che di lui pubblicherá il cittadino Massa nella nuova edizione che in Milano si fa de’ suoi Saggi politici.

p. 209, v. 2: Mi pareva di veder in lui il giovinetto Catone, che chiedeva un pugnale per uccidere Silla, che niun male

  1. Non è Nelson un grand’uomo? Non appartiene egli ad una gran nazione? Ebbene! Egli è per questo appunto tanto meno scusabile, ogni volta che avvilisce e la nazione e se stesso.