Pagina:Cuoco - Saggio storico sulla rivoluzione napoletana del 1799, Laterza, 1913.djvu/294

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
284 appendice

Rammentino che la popolazione del regno di Napoli vien formata da cinque milioni di persone, che tutte han dritto alla felicitá, e che una rivoluzione, la quale non produca la felicitá del maggior numero, non è che il trionfo momentaneo dí una fazione, che finalmente cade vittima della sua ingiustizia. Tolga il cielo dagli animi de’ nostri repubblicani quello spirito di odio e vendetta, che solo siede bene negli animi de’ re, e, piú della vendetta, tolga quello spirito di separazione ed insulto, che, senza distruggere l’inimico, l’offende e che, senza far perire la nazione, la lacera con eterna guerra. Ma sopratutto rammentino che non mai libertá vi fu senza indipendenza, che non mai indipendenza si ebbe senza forza, e che invano si fonda repubblica in una nazione, la quale abbia continuo bisogno degli aiuti e della protezione di un’altra. Potranno talora le altre nazioni infrangere i lacci nostri; ma, resa che ci abbiano una volta la libertá, noi soli possiamo e dobbiamo conservarla; e, coll’eterna gratitudine verso i nostri liberatori, mostrar dobbiamo ancora che noi siam degni di essere gli eterni loro amici.