Pagina:Cuore (1889).djvu/312

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
300 giugno

L'ESERCITO

11, domenica. Festa nazionale. Ritardata di sette giorni per la morte di Garibaldi


Siamo andati in piazza Castello a veder la rassegna dei soldati, che sfilarono davanti al Comandante del Corpo d’esercito, in mezzo a due grandi ali di popolo. Via via che sfilavano, al suono delle fanfare e delle bande, mio padre mi accennava i Corpi e le glorie delle bandiere. Primi gli allievi dell’Accademia, quelli che saranno ufficiali del Genio e dell’Artiglieria, circa trecento, vestiti di nero, passarono con una eleganza ardita e sciolta di soldati e di studenti. Dopo di loro sfilò la fanteria: la brigata Aosta che combatté a Goito e a San Martino, e la brigata Bergamo che combatté a Castelfidardo, quattro reggimenti, compagnie dietro compagnie, migliaia di nappine rosse, che parevan tante doppie ghirlande lunghissime di fiori color di sangue, tese e scosse pei due capi, e portate a traverso alla folla. Dopo la fanteria s’avanzarono i soldati del Genio, gli operai della guerra, coi pennacchi di crini neri e i galloni cremisini; e mentre questi sfilavano, si vedevan venire innanzi dietro di loro centinaia di lunghe penne diritte, che sorpassavano le teste degli spettatori: erano gli alpini, i difensori delle porte d’Italia, tutti alti, rosei, e forti, coi capelli alla calabrese e le mostre di un bel verde vivo, color dell’erba delle loro montagne. Sfilavano ancor gli alpini, che corse un fremito nella folla, e i bersaglieri, l’antico dodicesimo battaglione, i primi che entrarono in Roma per la breccia di