Pagina:Cuore infermo.djvu/158

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
158 Cuore infermo

— Perchè non scendi anche tu a Castellammare? — chiese Amalia, senza lasciare il suo tono indolente.

— No, cara. Non voglio ammalarmi per troppo divertimento. Ci state voi per me...

— Oh! io... — fece Amalia, quasi per ischermirsi...

— Che significa?

— Io, come se non ci fossi; tutti quei divertimenti mi sembrano lugubri...

— Non le dare ascolto, Beatrice — interruppe vivamente l’Aldemoresco: — è lei, che è lugubre, che vuol essere lugubre. Figurarsi, con quel po’ po’ di svaghi, con tanta aristocrazia straniera, con tutto il nostro circolo, se è il caso di essere malinconica. Non crederesti che viene dappertutto con una ciera mesta, e tutti intorno a chiederle che cosa ha, se si sente male, perchè è triste! Cara Amalia, la posa di questa stagione è interessante, ma finisce per rattristare le tue amiche.

— Pur troppo, non è una posa — disse Amalia con un sospiro.

— Se ricominci a sospirare, protesto che non ti conduco via. Piuttosto ti lascio in una siepe.

— Hai qualche cosa che ti rende malinconica? — chiese Beatrice, col suo sorrisetto un po’ ironico.

— Chi non ne ha? Anche voi due...

— Io, no — protestò la Fanny.

— Ed io neppure — disse Beatrice.

— V’illudete: il mondo è infelice senza accorgersene. Io mi accorgo della mia infelicità.

— Io mi domando — rispose Fanny con una ciera comicamente spaventata — quante altre frasi consimili Amalia ci vorrà prodigare.

— Non temere, cara; non temere. Per amor vostro cercherò distrarmi, rallegrarmi un poco.

— Ma la odi, tu, Beatrice! Se non la interrompo, ne