Pagina:D'Annunzio - Laudi, III.djvu/246

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

DELLE LAUDI - LIBRO



LITOREA DEA.

ESTATE, bella quando primamente
nella tua bocca il mite oro portavi
come l’Arno i silenzii soavi
porta seco alla foce sua silente!

5Ma più bella oggi mentre sei morente
e abbandonata ne’ tuoi cieli blavi,
che col cùbito languido t’aggravi
su la nuvola incesa all’occidente.

T’arda Ermione sul tuo letto roggio
10gli àcini d’ambra dove si sublima
il pianto delle tue pinete australi.

Io della tua bellezza ultima foggio
una divinità che su la cima
del cuore mi danza: Undulna dai piè d’ali.



UNDULNA.

AI piedi ho quattro ali d’alcèdine,
ne ho due per mallèolo, azzurre
e verdi, che per la salsèdine
curvi sanno errori dedurre.


- 236 -