Pagina:D'Annunzio - Laudi, III.djvu/82

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

DELLE LAUDI - LIBRO

e di frescura, nati
gemelli della Grazia
e del Sogno, Ermione
cara all’aedo, esperta
35in tesser la ghirlanda
e la lode pel fertile
aedo che ti sazia
di melodìa selvaggia,
il tuo nome mi piace
40tuttavia come un grappolo,
come quel flauto roco
che a sera è nel cespuglio,
mi piace come un grappolo
d’uva nera il tuo nome,
45come il fiore del croco
e la pioggia di luglio.



INNANZI L’ALBA.

COGLIERAI sul nudo lito,
infinito
di notturna melodìa,
il maritimo narcisso
5per le tue nuove corone,
tramontando nell’abisso


- 72 -