Pagina:D'Annunzio - Notturno.djvu/232

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
220 notturno

e la musica del suo canto. E soltanto così comprese l’ebrezza di San Francesco nel Cantico delle Creature. Né poi ebbe più memoria di quelle parole e di quella musica.

«O allodola, ai tuoi trilli non basta il giorno intero!»

La parola del poeta orientale mi torna nel cuore come una melodia straziante. E penso all’inno sconosciuto del mio compagno sepolto.



Non so se io abbia più sete dì acqua o più sete di musica o più sete di libertà.

Sento il sole dietro le imposte. Sento che c’è un’afa di marzo chiara e languida sul canale. Sento che è bassa marea.

La primavera entra in me come un nuovo tossico. Ho le reni dolenti, in una sonnolenza rotta di sussulti e di tremori.