Pagina:D'Azeglio - Ettore Fieramosca o la disfida di Barletta, 1856.djvu/37

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
34 ettore fieramosca

valessero meglio di questi poltroni d’Italiani: giudicate se si può immaginare di paragonarli con noi.

— Sentite, cavaliere, ed aprite bene gli orecchi, rispose Inigo che non potè più reggere alla passione di sentir costui dir tanta villania de’ suoi amici, e non gli parve vero di sfogarsi contra chi gli avea storpiato il suo cavallo; se qualcuno de’ nostri Italiani fosse qui, e Fieramosca il primo, e voi foste libero, come siete prigione di Diego Garcia, potreste imparare, prima d’andar a letto, che un uomo d’arme francese può aver a fare a due mani per difender la sua pelle contra un Italiano; ma poichè voi siete prigione, e qui non sono che Spagnuoli, io, che sono amico di Fieramosca e degl’Italiani, dico in loro nome, che voi e chiunque dirà aver essi timore coll’armi in mano di chicchessia, ed esser, come dite, poltroni e traditori, mente per la gola, e son pronti a starne al paragone con tutto il mondo, a piedi, a cavallo, con tutte l’arme, o colla sola spada; dove, e quando, e sempre che vi piacerà.

La Motta ed i compagni, i quali al cominciar di quelle parole s’erano rivolti con atto superbo verso chi le diceva, mutandosi gradatamente in volto, fra l’adirato e l’attonito, ne stavano attendendo la fine. Come accade in una brigata, allorchè in mezzo allo schiamazzo e alle risa, si sente sorger una voce e dir parole di ferro e di sangue, che ognuno tace e si volge sospeso a chiarire il fatto, cessato il bisbiglio, ogni Spagnuolo stette ad orecchie tese, aspettando che cosa potesse nascere da questa prima rottura.

— Siamo prigioni, — rispose La Motta con orgogliosa modestia, — e non potremmo accettare disfide; però, coll’approvazione degli uomini d’arme che hanno avute le nostre spade, e che, ben inteso, avranno da noi un giusto riscatto, a nome mio, de’ miei compagni e di tutta la gente d’arme francese, rispondo e ripeto quello