Pagina:Dalla Terra alla Luna.djvu/213

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

dalla terra alla luna 213

di movimento. Nel più comodo wagon degli Stati Uniti non sarebbero stati più comodamente.

Risolte le questioni dei viveri e dell’illuminazione, rimaneva quella dell’aria. Era evidente che l’aria rinchiusa nel proiettile non basterebbe per quattro giorni alla respirazione de’ viaggiatori: ogni uomo, infatti, consuma in un’ora circa tutto l’ossigeno contenuto in cento litri d’aria. Barbicane, i suoi due compagni e i due cani, che voleva condur seco, dovevano consumare in ventiquattro ore duemila e quattrocento litri d’ossigeno, o, in peso, circa sette libbre. Bisognava dunque rinnovare l’aria del proiettile. In qual modo? Con un processo semplicissimo: quello dei signori Reiset e Regnault, accennato da Michele Ardan durante la discussione del meeting.

È noto che l’aria componesi principalmente di ventuna parti d’ossigeno e di settantanove d’azoto. Ora, che avviene nell’atto della respirazione? Un fenomeno semplicissimo. L’uomo assorbe l’ossigeno dell’aria, eminentemente atto a mantenere la vita, e respinge l’azoto intatto. L’aria aspirata ha perduto quasi il cinque per cento del suo ossigeno, e contiene allora un volume presso a poco uguale d’acido carbonico, prodotto definitivo della combustione degli elementi del sangue per opera dell’ossigeno aspirato. Accade quindi che in un luogo chiuso, e dopo un certo tempo, tutto l’ossigeno dell’aria è surrogato dall’acido carbonico, gas essenzialmente deleterio.

La quistione riducevasi allora a ciò: essendosi conservato l’azoto intatto, 1.° riprodurre l’ossigeno