Pagina:Daniele Cortis (Fogazzaro).djvu/258

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
248 daniele cortis


«Debbo andare» rispose Cortis e si curvò, cupo, sulle ginocchia accavalciate. Sua madre lo guardava, non osava più parlargli.

Egli partì due minuti dopo, con l’occhio fisso, quasi barcollando. Giunto sulla scala disse al domestico:

«Se mi succede qualche cosa, avvertire subito la contessa Carrè, alla Minerva. Qualunque ordine vi si dia!» soggiunse accennandosi alle spalle col pollice.