Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/109

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
106 ricordi di parigi.


spazio e di tempo, dell’Isabey. In un’altra sala si drizza davanti a Massimiano Ercole il fantasma spaventoso di San Sebastiano, del Boulanger, e il Moreau affatica e tormenta le fantasie coi suoi sogni biblici e mitologici pieni di terrori, d’illu­sioni e d’enimmi, che restano conflitti nella me­moria come le formule misteriose e sinistre di uno scongiuro. Poi si succedono i ritratti pieni di vita e di forza. Il Dubufe presenta Emilio Augier, il Gounod, il Dumas; il Durand presenta il Girar­din; il Perrin espone il Daudet; e il Thiers rivive gloriosamente nella tela del Bonnat, davanti a cui si accalca la folla. Un’altra folla silenziosa e im­mobile annunzia nella medesima sala le miniature meravigliose del Meissonnier. Più in là sorridono le patrizie eleganti del Cabanel, e il Laurens strappa un sospiro presentando insieme, nel suo nobilis­simo Marceau, la bellezza, l’eroismo e la morte. Andando innanzi, trovo quella meravigliosa curvatura di schiene che ha fatto sorridere il mondo: l’Eminence grise del Gerôme; e il giustiziere for-