Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/113

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
110 ricordi di parigi.


pieni di poesia, di marine melanconiche, di teste adorabili di fanciulli, di scherzi arguti, di fantasie gentili, che sollevano la mente ed allargano il cuore. Poi il Portogallo e la Grecia; grandi nomi, piccole cose. Eppure ci son dei quadretti trascu­rati e spregiati, che lasciano un’impressione indelebile, come la madre megarese del Rallis, quella povera moglie di pescatore seduta nella sua povera stanza, che tien le mani incrocicchiate e gli occhi fissi sopra una culla vuota, fatta di quattro tavole rozze, in atto di dire: — Non c’è più! — mentre i pannilini ancora freschi fanno com­prendere che l’han portato via poco prima, e su quella desolazione scende per la finestra aperta il raggio allegro dell’alba che lo svegliava ogni giorno: espressione manchevole forse, ma d’un sentimento sublime, che mette nel petto il tre­mito d’un singhiozzo. Dopo la Grecia vien la pittura facile e fresca della Svizzera, svariata di cento stili; immagine vera d’un paese di cento pezzi e d’una famiglia d’artisti vaganti alla ri-