Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/123

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
120 ricordi di parigi.


lavoratori smisurati, s’agita come una vita segreta un indescrivibile lavorìo di rotine che sembrano immobili, di seghe che paion fili, di congegni delicatissimi e quasi invisibili, che vibrano, tre­mano, trepidano, e ingigantiscono ancora, col paragone della loro umile piccolezza, le ruote enormi, le cerniere colossali, le caldaie titaniche, le correggie spropositate, le grù, gli stantuffi, i tubi mostruosi, che si slanciano in alto come colonne monumentali, e si succedono in una fila senza fine, presentando l’aspetto di non so che bizzarra e deforme città di metallo, in cui si di­batta fra le catene una legione di dannati o di pazzi. Ma anche l’uomo lavora; un gran numero di donne cuciscono colle macchinette; intorno alle grandi macchine vigilano degli operai, e meccanici e artefici di tutti i paesi, vestiti tras­curatamente, osservano, notano, si caccian per tutto, fra gli stantuffi e le ruote, a rischio della vita; fra i quali si vedono qua e là delle faccie scarne e pallide, ma piene di vita, su cui lam-