Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/226

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

emilio zola. 223


prima volta com’è: in gran parte odioso e schi­foso. Una persuasione profonda lo guida e lo fa forte: che si debba dire e descrivere la verità; dirla e descriverla ad ogni proposito, a qualun­que costo, qualunque essa sia, tutta, sempre, senza transazioni, sfrontatamente. Ha in questo anche lui, come dice dello Shakespeare Vittor Hugo, une sorte de parti pris gigantesque. A questo «par­tito preso» adatta conseguentemente l’arte sua, che viene ad essere una riproduzione piuttosto che una creazione; ed è infatti un’arte tranquilla, paziente, metodica, che non manda grandi lampi, ma che rischiara ogni cosa, d’una luce eguale, da tutte le parti; ardimentosa, ma guardinga nei suoi ardimenti; sempre sicura dei fatti propri; che s’alza poco, ma non casca mai, e pro­cede a passo lento, ma per una via direttissima, verso un termine che vede chiarissimamente. I suoi romanzi non son quasi romanzi. Non hanno scheletro, o appena la colonna vertebrale. Pro­vate a raccontarne uno: è impossibile. Sono