Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/246

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

emilio zola. 243


vive molto solo. Certe descrizioni, infatti, di stanze calde e piene di comodi, che si trovano nei suoi romanzi, non possono essere fatte che da un uomo che sta volentieri nel suo nido, in mezzo a tutte le raffinatezze della buona vita casalinga. Aveva davanti un grande tavolino co­perto di carte e di libri, disposti con ordine, e sparso di molti piccoli oggetti luccicanti, di forma graziosa, come il tagliacarte; che rivelavano un fino gusto artistico. Tutta la sala indicava l’agia­tezza elegante dello scrittore parigino in voga. In una parete c’era un suo grande ritratto a olio, di quando aveva ventisei anni.

Parlò per prima cosa della lingua italiana. — Mi rincresce, — disse, — di non poter leggere libri italiani. Noi altri francesi, in questo, siamo proprio da compiangere. Non sappiamo nessuna lingua. Ma io l’italiano lo dovrei sapere, essendo figliuolo d’un italiano. — E ci accennò lo studio critico della nostra Emma sopra la Page d’amour, pubblicato dall’Antologia, dicendo che era costretto