Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/30

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il primo giorno a parigi 27


campagna e del mare. Anche la Senna lavora per «la gran festa della pace» e par che spieghi più benevolmente dell’usato, in mezzo alle due Parigi che la guardano, la sua maestà regale e materna.

Qui il mio compagno non potè resistere alla ten­tazione di Nôtre Dame, e salimmo sulla cima d’una delle due torri per vedere «il mostro.» Ottima cosa che mette i pensieri in calma. Bisogna almeno dominarle, queste mostruose città, in quel solo modo che ci è possibile: collo sguardo. Salimmo sulla punta del tetto della torre di sinistra, dove Quasimodo delirava a cavallo alla campana, e ci afferrammo all’asta di ferro. Che immensità glo­riosa! Parigi empie l’orizzonte e par che voglia co­prire tutta la terra colle smisurate onde immobili e grigie dei suoi tetti e delle sue mura. Il cielo era inquieto. Le nuvole gettavano qua e là om­bre fosche che coprivano spazi grandi come Roma; e in altre parti apparivano montagne,