Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/74

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

uno sguardo all'esposizione. 71


diciott’anni, bionde e sottili come creature d’un sogno. Ah! detesto il grosso banchiere che met­terà quella grazia davanti ai suoi grossi amici della Borsa, sulla mensa del giorno di Natale! I tesori più preziosi dell’Esposizione son quasi tutti là presso. Fatti pochi passi, si arriva nello scom­partimento dei gioielli, che è un solo enorme scrigno, che contiene ottanta milioni di lire in perle e in diamanti; pieno di rarità bizzarre e di lavori meravigliosamente delicati, da far deside­rare a un osservatore onesto d’aver le mani le­gate; e nelle sale dell’oreficeria, in mezzo ai vasi e alle statuette da salotti reali, alle posate d’oro, agli altari sfolgoranti, a mille piccoli capolavori da grandi borse che metterebbero il furore del lusso casalingo in un Arabo del deserto. Arrivati là s’è chiamati in un’altra parte da una musica strana. È un gran numero di uccelli meccanici, che fischiano, pigolano e trillano, aprendo il becco e dimenando graziosamente la testa e la coda, per annunziare l’esposizione dell’orologeria;