Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/89

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
86 ricordi di parigi.


più bel paio di stivaletti trinati di tutta l’Esposi­zione sono della principessa di Metternich, i due più bei manicotti di volpe nera appartengono alla principessa di Galles, e l’Imperatore d’Au­stria ha già messo il suo augusto suggello sopra un impareggiabile cofano d’argento cesellato, che sarebbe stato la vostra delizia. Ci rimane però dell’altro. Io mi permetterei di suggerire alle si­gnore facili a contentarsi un graziosissimo velo di trina dell’esposizione belga, fatto con un filo che costa cinquemila scudi il chilogramma; e agli sposi di giudizio un letto chinese di legno di rosa intarsiato d’avorio che costa poco più di una villetta passabile sulle rive del lago di Como. Alla porta della camera si potrebbero mettere le due tende di seta ricamate d’oro e d’argento, che sono in vendita nell’esposizione austriaca per mille e duecento napoleoni. C’è la comodità di poter comprare delle sale intere, anzi degl’interi appartamenti, d’ogni stile e d’ogni paese, lì su due piedi, d’un colpo, con un gran risparmio di