Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/90

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

uno sguardo all'esposizione. 87


tempo e di seccature. E ci sono pure delle am­mirabili cose per le borse modeste. Lo zaffiro del Rouvenat, circondato di diamanti, si può avere con un milione e mezzo; e stiracchiando un poco, si può anche ottenere a un prezzo ragionevole un curiosissimo diamante tagliato in forma di una lanterna a gaz e incastonato in un candelabro d’oro microscopico, ch’è una vera bellezza. Tutte cose che sulle prime fanno girare un po’ il capo; ma poi si scrollano le spalle, e si tira via senza badarci, dicendo: — corbellerie, corbellerie — coll’indifferenza d’un franco.... impostore.


E si va a vedere l’esposizione dei prodotti ali­mentari, meno pericolosa per la fantasia: una passeggiata d’un miglio, o poco meno. Chiudete gli occhi, pigliatevi la testa fra le mani, e cer­cate di rappresentarvi tutto quanto di più strano e di più raro può mettersi in corpo un uomo senza rischiare la vita: c’è tutto. Potete bere, a quindici centesimi, un bicchiere delle quattordici