Pagina:De Marchi - Milanin milanon.djvu/63

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 61 —

che hann portaa via nel cœur, e con ti ghè tutta la storia di vecc, di parent, della cà, del Campari, del Biffi, della Scala, della sartina... de tutt. Te set come on liber stampaa coi vignett, e quel dì che poden tornà, a quaranta mïa de Milan, comencien a sbircià dai finestrin del vapor, e guarden e cerchen fra i piant de rover, e guarden e cerchen in mezz alla nebbia di riser, fin che veden... o ghe par... Vann innanz ancamò, el cœur el batt come on magnan, quand fra on tecc e una beola, sott on ragg de só te comparet ti, o Madonnina benedetta del noster Domm!! Ti che te set la mamma de tucc!... E, allora se piang, sangua de brio! se piang come bagàj e ven in ment i vers del Vespasian Bignamm: