Pagina:De Sanctis, Francesco – Giacomo Leopardi, 1961 – BEIC 1800379.djvu/87

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

x. 1818 - le due canzoni 81

Dante; e quella lettura gli fa quasi «ingigantire l’anima» in tutte le sue parti e dire: — Questa è poesia — .

L’arte, scrive egli a Giordani, non dee affogare la natura; e quell’andare per gradi e voler prima esser buon prosatore e poi poeta, mi par che sia contro la natura: non dona ella niente niente a quella mens divinior di Orazio?

L’uomo sentiva già agitarsi nell’anima la musa, e non lo nasconde, e prega Giordani che non voglia crederlo un temerario.

6 — De Sanctis, Leopardi.