Pagina:De gli horologi solari-1638.pdf/8

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

AL SIG.

PIETRO LINDER

CARISS.mo AMICO SUO

MUZIO ODDI. S.


S E V.S. si haverà preso giuoco del cadavero, che l’inviai due settimane sono, cioè à dire d’un corpo senz’anima, si come fù il disegno dell’Impresa, per il frontispitio di questo mio secondo libro d’Horologi, senza il Motto, per non havere all’hora per le mani cosa che mi sodisfacesse à pieno; molto maggiormente lo doverà fare hora in vedere, che seguitando la stolta opinione di Pitagora io sia gito ricercando un’anima frà li componimenti d’un Poeta, il quale non rade volte confessa di vivere senz’essa: per farli fare passaggio à dare lo spirito, & animare quel corpo che n’era senza. In quella, che io feci nel primo libro, per il Sole intesi il Duca d’Urbino, e nel-