Pagina:Dei cristalli quarzosi di Selvino.djvu/13

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

(13)

In Selvino se ne trovano di una sorta e dell’altra; ma incomparabilmente più della prima che della seconda. E in vero di quest’ultima io non ne ho trovato che alcuni pezzi piccolissimi, racchiusi in cavità fra le stratificazioni della pietra calcare, di cui è formata l’ossatura del gran poggio, su cui stà il villaggio 3 Questa pietra è il calcareus rudis spec. 4. (g), e ’l calcareus polituram admittens, Marmor (B) Wall.

Io riconobbi che quelle druse erano una vera cristallizzazione minuta quarzosa non completa, qualche volta non esagona, confusissima e di non eguale limpidezza, appoggiata al quarzo amorfo bianco non trasparente.

Parlando in particolare dei cristalli solitarii, ivi se ne trovano di tutte, le grandezze dal grano di miglio a quella di un pollice e forse più. E la loro lucentezza è sempre in ragione diretta della trasparenza, e questa in ragione inversa del loro volume.

In alcuni di questi cristalli il prisma è eguale in lunghezza alle piramidi sovraimpo-