Pagina:Deledda - Chiaroscuro.djvu/178

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
172 l’uomo nuovo


ni in viaggio, per l’anima mia, le par poco? Così lontani son gli stazzi di Terranova?

Ma egli leggeva il giornale e non l’ascoltava più: ed ella se ne tornò al portone in attesa che sua madre tornasse dalla Chiesa Maggiore, ov’era andata per recitare i «responsos» di Sant’Antonio, specie di consulto col santo il quale doveva rivelarle chi aveva rubato i bottoni d’oro a una povera serva straniera.

Annarosa era turbata, ma taceva e pensava. Ogni parola della lettera le si era impressa nella memoria, e in ogni pietra intorno vedeva scolpito il cuore con la freccia: neppure le parole pungenti di quel matto dello studente turbavano la gioia della sua anima semplice e innamorata.

Egli intanto s’era mosso per preparare la sua cena: uscì nel ballatoio, in fondo al quale un armadietto e un fornellino a mano costituivano la sua dispensa e la sua cucina, e ruppe versandole nel tegamino due delle uova che gli mandavano col pane e l’olio dal suo paese natio.

La faccenda non lo umiliava: egli era convinto che l’uomo superiore deve fare a meno dei suoi simili, pur cercando di sollevarli alla sua altezza. La bellezza e la verità della vita sono dentro di noi — egli pensava soffiando sul fornellino — come il bel rosso dorato e il puro albo dell’uovo sono dentro il guscio sporco e inutile: basta romperlo, il guscio; ed egli riteneva d’averlo rotto, rinnegando, alla vigilia di farsi prete, la religione