Pagina:Deledda - Il nostro padrone, Milano, Treves, 1920.djvu/392

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 386 —


zio prete ritornava dalla messa cantando ancora a mezza voce:


                                        Gloria, gloria,
gloria a Dio nell’alto dei cieli,
e pace in terra agli uomini di buona volontà....


e sua madre diceva che gli angeli in persona attraversano il mondo per annunziare agli uomini la venuta di Colui che esiste solo per regolare il nostro destino. Allora se ne andò, già nuovamente rassegnato a lasciarsi guidare dal misterioso padrone.

fine.