Pagina:Deledda - Il paese del vento, 1931.djvu/18

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 12 —

delle valige, ci avrebbero cacciati via, lontano, come nemici.

Ma dove siamo?

— Non doveva venire una donna a portar via questa roba?

Mio marito si scuote, al fischio della voce irritata: e d’un tratto ritorna tutto a me.

— Adesso vediamo: forse la Marisa è in ritardo.

Ma non ci crede neppure lui. Preoccupato mi fa deporre la valigia su una panchina addossata ad un piccolo chiosco chiuso, nello spiazzo davanti alla stazione, e guarda di qua, di là, nelle lontananze dei viali che vi si partono in triangolo attraverso i prati fino al mare, e nei quali nessuno si vede.

— Le dev’essere accaduto qualche guaio; che non abbia ricevuto il mio espresso?

O per mia cosa o per l’altra, la donna non appare: dentro il chiosco fischia con ironia un gruppo di folletti. Intorno a noi vedo una specie di landa, folta di erbe alte e di cespugli fioriti di bianco